L’insulto dell’ometto insulso

8 12 2013

image
La nuova caccia all’untore, orchestrata sul suo blog cloaca, dal vecchio comico che non fa più ridere, è quanto di peggio la sua mente malata potesse concepire. D’altra parte l’ometto in questione non è mai stato in grado d’esprimere altro, rispetto alla bavosa rabbia con cui, quotidianamente, alimenta e aizza il suo mini esercito di lobotomizzati.
Alla pari si collocano le sue rappresentanze parlamentari, pròtesi del e protési nel medesimo delirio: affannati signori nessuno che fanno a gara per compiacere e tentare di superare il loro maestro.
Che dire poi del presunto ideologo Becchi: una sorta di vecchio rottame dal fantasioso eloquio e dalle altrettanto bizzarre teorie costituzionali, forse acquisite di rimando dal peggior Berlusconi.
Si tratta – per tornare a bomba – dell’ennesima iniziativa, architettata nella disperata ricerca di quell’amplificazione che non viene più concessa all’incessante idiozia dilagante del vecchio comico para guru.
Nella fogna a cielo aperto, nonchè sede sociale del MoVimento, tutti i nuovi camerati si possono così, allegramente esercitare nella tecnica mista dell’insulto e della violenza, per ora, verbale, di chiara matrice e ispirazione pre e post nazifascista.
Che quest’omuncolo, sin dalle origini, fosse un piccolo neofascista, che fa più schifo che spavento, era e resta cosa nota.
Verrà il giorno in cui potrà serenamente godersi tutti i vaffanculo che merita la sua natura di uomo insulso, confuso in mezzo a molti altri.





L’esercito di Silvio, la guerra di Beppe e la pax di Matteo

4 09 2013

image

La crisi avanza lenta, sul governo Letta, a colpi di ricatto e quotidiani penultimatum.
La destra eversiva, rispetto alle leggi uguali per gli altri e alla Costituzione, non può rinunciare alla strenua difesa del suo ideatore, del suo benevolo sdoganatore, del suo unico e sacro padre inviolabile: dopo di lui il diluvio!
Questa infaticabile ostinazione, nel voler tenere all’auge della gloria il titano tra i nani, è comprensibile, per sua origine e natura: tutti devono tutto al Silvio nazionale!
Eppure… immaginate quanti e quali ulteriori danni e quanta fascinazione potrebbe, invece, produrre e scatenare un Berlusconi eretto a vittima sacrificale, reso battitore libero, nonostante la temporanea estromissione dal Senato. Chi o cosa potrebbe impedire al leader della destra eversiva di rimanere tale? Niente e nessuno.
Un altro antisistema potrebbe giocare, in assoluta libertà, la sua ultima, definitiva battaglia.
L’esercito di Silvio dovrebbe prendere in seria considerazione una siffatta eventualità.
Immaginate, poi, l’immutata potenza di fuoco dell’impatto mediatico: casta giornalistica, stampata e non, sempre pro(n)ta a compiacere il potente di turno, garantirebbe la necessaria amplificazione all’atto di lesa maestà, perpetrato dai soliti коммунисты (kommunisty), passando per la via della setta grillina.
Questo clima da guerra civile simulata abbraccia e appartiene, a pieno titolo, all’altro uomo medio dei nuovi media che, sulle macerie di quest’Italia sull’orlo del baratro, vuole ricostruire la sua democrazia digitale (ovviamente le impronte sono solo le sue).
Quest’invasato del web, capace di concepire solo gli “i like it!”, ha dichiarato guerra a tutti, perfino ai disertori aperturisti che, forse disposti a sparigliare l’accoppiata delle larghe intese, vorrebbero offrire un’alternativa alla disfatta finale d’un’Italia ormai esausta davanti all’eterno referendum pro o contro Berlusconi.
Ma l’oltranzismo del Grillo in guerra e del suo team – si tratti di Casaleggio o di Messer Messora – non consentono aperture. À la guerre comme à la guerre non ci sono alternative.
È questo il limite cui siamo giunti a causa del proliferare dei partiti o dei sedicenti movimenti (statici) d’impronta personale: l’ortodossia col capo non contempla alcuna libertà di pensiero e d’azione. Si avanza, compatti, a testuggine!
Poco o nulla importa se, tentare di scompaginare l’attuale sistema ingessato, implicherebbe l’individuazione di possibili alleanze. Il sacro fuoco della rivoluzione non si alimenta con la trattativa, il confronto, il dibattito: le menti pensanti si accomodino fuori! Restino le (pesanti) teste di legno!
Anzi, c’è di più: per tacitare tutto questo fastidioso democratico fermento, preparatevi ad un nuovo V-day! Il palco è mio e lo gestisco io!
In questa guerra del tutti contro tutti, vissuta da ciascuno nella speranza di poter così trarre vantaggio (elettorale), scoppia – neanche tanto improvvisa – la pax nel Partito Democritico, pardon Democratico.
Tutti, quasi unanimemente, uniti attorno al Sindaco FiRenzi che, da rottamatore, ha aperto il mercato del riciclo.
Ostile alle correnti, viene da queste sostenuto con forza ed entusiasmo.
L’uomo del dolce stil novo politico, affascina, affabula, galvanizza il pubblico plaudente delle feste dem.
È giunta l’ora del nuovo che avanza nell’Italia che retrocede!
Chi tra i contendenti riceverà maggior audience?





Per grazia ricevuta o dell’ego me absolvo.

14 08 2013

La crisi politica perdura e segue di pari passo quella economica.
Le larghe intese della casta,  sostenuta e resa più solida dalle armate della casta stampata, perseverano nel loro unico intento di autoassolversi e garantirsi una continuità politica basata sull’alternanza nel malgoverno.
Il  migliorista, del tanto peggio tanto meglio,  si dice ora pronto e attento a valutare l’ipotesi di condonare qualsiasi nefandezza pre politica, incarnatasi in veste politica nel corso d’un ventennio, lungo il quale non si è posto rimedio all’anomalia, tutta e solo italiana,  del conflitto d’interessi privatissimi, che hanno trovato cura e tutela in forza d’un ruolo istituzionale gestito a propria esclusiva salvaguardia.
L’opposizione,  svilita e resa disarmata da un capo comico,  utile idiota per favorire la restaurazione della casta pron(t)a alle larghe intese,  come unica salvifica via d’uscita, lamenta una  marginalità in verità voluta, cercata e trovata.
La stessa sopravvivenza della casta legittima e dà un senso a quest’opposizione arrivista e assai poco credibile, unicamente determinata a blasonarsi del ruolo parlamentare, non per particolare merito, bensì grazie a quell’irresistibile desiderio d’auto distruzione di coloro  dimostratisi incapaci d’essere alternativa e che hanno fatto sì che il nulla ne occupasse lo spazio e la rappresentasse.
Così,  dopo vent’anni di ferrea anomalia, la normalizzazione,  in nome d’una parte del popolo sovrano,  imbonito dall’immutata potenza dell’etere,  pare l’unica soluzione praticabile.
Poco importa se si farà strame della giustizia,  della legalità e della democrazia.
Ovunque si volti lo sguardo questo paese sembra oramai diventato cultore della carta straccia,  ancor prima di quella costituzionale.
Così, per grazia ricevuta,  sopravvivono o assurgono a nuovi onori fenomeni squisitamente italiani che,  in nessun’altra solida democrazia matura, avrebbero potuto trovare terreno fertile.
Sia che si concretizzi in un vero e proprio atto di clemenza o in qualsivoglia altra forma, l’intera classe politica è accomunata in un’unica corale preghiera.
Per grazia ricevuta: lunga vita all’uomo medio dei media, erede e beneficiato delle disgrazie della Prima Repubblica che, da presunto censore di quel malaffare, sulle cui spoglie ha costruito la sua continuità politica,  viene ora eretto a uomo con un alto senso di responsabilità, nonostante tutti i suoi governi siano stati contraddistinti dall’ossessione pro domo sua.
Più che uomo di Stato, garante del suo statu quo.
Per grazia ricevuta: lunga vita a quella pletora di nani, beneficiati da chi, in quel contesto, ha assunto figura titanica, cui tutto, ma proprio tutto, devono; in primis la sopravvivenza ed il prestigio acquisiti per benevolenza del capo.
Per grazia ricevuta: lunga vita all’ibrido PD, sceso a patti con “l’avversario immaginario”, sempre più occupato a favorire qualsiasi episodio di cannibalismo politico o fratricidio, in attesa d’una definitiva dissoluzione politica e morale.
Quell’inconclusa e inconcludente esperienza post cattocomunista che ha fatto carta straccia della dichiarazione d’intenti sottoscritta col suo elettorato.
Quell’ibrido che è riuscito a mortificare l’essere di sinistra e creare così un’imperdibile occasione per far da sponda alla destra eversiva (rispetto alla Costituzione).
Per grazia ricevuta: lunga vita alle farneticazioni del Grillo (s)parlante e agli adepti da lui movimentati, già dimentichi della nuova chimera della democrazia diretta, rigorosamente in streaming, ora aviluppata nella nebulosa parlamentare, ridottasi alla rappresentanza dell’uno su tutti e omologata al tutti per uno, folgorati sulla via della setta.
Per grazia ricevuta: lunga vita al governo dell’immobilismo che vanta il merito di mantenerci sopravviventi nelle sabbie mobili.
Per grazia ricevuta: lunga vita al migliorista, del tanto peggio tanto meglio, chiamato a vegliare su quel che resta della morente democrazia in questo paese.





La paralisi politico-istituzionale

31 03 2013

imageDunque siamo andati ai seggi elettorali per assistere alla nomina dei saggi.
Ciascuno di noi ha espresso il suo voto per poi vedere garantita la permanenza (detta ‘prorogatio’ dai carnefici della democrazia e del parlamentarismo) d’un governo capeggiato da quel Mario Monti uscito minoritario e unico, vero sconfitto in questa tornata elettorale.
La non democrazia impazza e non si contano più i favori resi a chi ha il solo ed unico interesse al protrarsi della paralisi, al fine di garantirsi un consenso figlio del nulla e del vuoto elettorale.
Tutti pronti e proni ad osannare il Presidente, fattosi sovrano, che interpreta la Costituzione vigente con rara fantasia, come se nulla, nel frattempo, fosse capitato?
Tutti disposti ad accettare un governo, non sfiduciato dal Parlamento nella precedente legislatura, come se gli assetti politici e della rappresentanza fossero rimasti immutati?
Tutti taciti e disposti ad avallare l’imposizione d’un governo mantenuto in carica per ‘decreto’ presidenziale?
Tutti, sempre silenti, davanti all’ipotesi che sia costituzionalmente accettabile lo sconfinamento dalla gestione degli affari correnti?
Tutti chiamati a rinunciare al proprio ruolo d’elettorato attivo, alla sovranità popolare cui sempre ci si appella, negando poi il responso delle urne?
Non poteva esserci miglior vantaggio offerto ai neo presunti rivoluzionari, unanimemente (laddove l’unanimità è rappresentata dagli atti d’imperio di uno, massimo due personcine) concordi nel sostenere questa proroga e questi ‘saggi’, per poterli poi definire e catalogare come un volgare tavolo di bari a cui non si parteciperà, in nome d’una purezza esclusivamente propensa all’immobilismo.
Esiste ancora, in quest’Italia fuori rotta, qualcuno che, in nome della democrazia reale e non di quella immaginata, ha qualche legittima obiezione da sollevare e contrapporre?
Non lo so, ma lo spero.
Appare altrettanto più che chiaro e certo che Grillo, gli automi cantori della voce sola che lo amplificano passivamente, e il mitico professor Becchi (quello che si informa e documenta sul “veb”) si sono dimostrati finte vergini, vestali della conservazione.
Tutti figli legittimi di quel Casaleggio, dimentico delle sue trascorse affinità elettive col cavaliere, oggi rinnovate con vigore rivoluzionario.
D’altra parte la velleitaria metafora del 100% dei consensi è speculare al desiderio del’ex premier che si è sempre dogliato di non essere plenipotenziario.
E, checchè si dica o si voglia far credere, anche l’orda di questo movimento di plastica è stata enfatizzata, quotidianamente, dai media tradizionali come il predecessore partito di plastica.
Dopodichè si può continuare a credere che l’uomo medio dei nuovi media sia frutto esclusivo di una ‘rete’ rappresentata come massa di irretiti, legati al pensiero unico, piuttosto che alla libertà, allo spirito critico e autonomo.
Il miracolo italiano di Grillo, evidentemente, in questo periodo storico, consisteva e consiste nella resurrezione del governo precedente al voto.
In conclusione: Grillo è complice e funzionale dei poteri morti che, di riflesso, gli garantiscono sopravvivenza.
Senza neppure sporcarsi le mani con un voto di fiducia,





Movimento ©inque $telle™

16 03 2013

image Il Movimento ©inque $telle™ è un copyright, un marchio, un prodotto d’impronta personale, reso, sin qui, apparentemente corale.
Lo spot per il lancio sul mercato politico è stato efficace.
Sulla bontà del prodotto e sul suo contenuto, al di là del fascino del packaging design, si possono nutrire dubbi e riserve, in attesa di verifica?
A me ricorda, per dirla alla Gaber, tanto caro a Grillo (a frammenti!) “il salariato del piacere che propina storie colorate e grasse, un bel film con dentro tutti gli ingredienti che piacciono alle masse, che stanno lì inchiodate e si divoran tutto senza protestare, gli si potrebbe dare in premio un bel barattolo di merda per duemila lire e senza esitare un momento sarebbero pronti a scannarsi per quel divertimento! Son proprio deficienti gli uomini, ormai son proprio devastati, non riesci più a strapparli alla loro idiozia, ci sono incollati”.
Insomma, sin qui, una bella festa o sagra strapaesana.
La prima occasione di democrazia perduta – seppur vanno raccolti gli incoraggianti segnali di chi si è sottratto all’appiattimento del pensiero unico reso collettivo – è stata l’elezione dei Presidenti dei due rami del Parlamento, vissuta come l’ennesima lotta contro chissà quale maleficio, anzichè cogliere gli incoraggianti motivi che spingevano alla condivisione d’una scelta tutta costruita attorno a due altissime personalità, indipendenti e con una marcata discontinuità rispetto al passato.
E invece no. I ©inque $telle™, almeno nella loro rappresentazione dei pupazzetti del ventriloquo, hanno continuato nella loro stucchevole – e fuori luogo – dichiarazione di purezza, laddove non ricorreva alcun motivo di dissenso.
Lo slogan “nè con la destra, nè con la sinistra, ma in alto”, si è manifestata come politica di bassissimo profilo, un tantino più coricata sulla destra, incapace di decidere e volare alto nell’interesse delle Istituzioni.
Ciononostante oggi è una splendida giornata, all’insegna del cambiamento, della svolta possibile e praticabile.
Tutto il resto non conta.
Non contano le partigianerie e le piccinerie di chi, alla lunga, sarà chiamato a pagherà dazio per l’inconcludenza dell’opporsi a tutto e tutti, perdendo il lume della ragione e della ragionevolezza, non riuscendo mai a trovare interlocutori credibili, degni d’attenzione e considerazione.
E non ha ragionevoli spiegazioni, anzi fa inorridire (politicamente), la colleganza tra ©inque $telle™ e Popolo delle Libertà, che non hanno saputo cogliere le ragioni d’un consenso a chi ha sempre dimostrato e mantenuto alto senso dello Stato.
Non ha possibile giustificazione avere interpretato, ancora una volta, l’elezione di due cariche istituzionali, chiamate a rappresentare tutti, come se si trattasse d’una scelta di parte e tra parti contrapposte.
Vuoi vedere che la buona politica sarà in grado di sgonfiare l’antipolitica di chi, privo di qualsiasi proposta e progetto serio e concreto, si è fatto istituzione per incarnare tutti i vecchi vizi del nemico immaginario?





Giorgio Gaber (con tutto il rispetto che merita) in risposta a Grillo

11 03 2013





La rete degli irretiti?

9 03 2013

coppia-altoparlanti-3-vie-16-165-cm-caos-unlimited-premium-800.jpg-1256788404C’è un attor comico che continua a vaneggiare su un’entità da lui considerata omogenea, possibilmente conforme al suo modo di pensare/vedere tutto il circostante, virtuale e reale (ma esiste una vera differenza?), denominata “la rete”.
Questo novello re buffone, in campagna elettorale, ha proclamato a gran voce la necessità di un’assiduo e imprescindibile referendum, non puramente consultivo, ma con potere decisionale, per ridurre il gap tra rappresentati e rappresentanti.
All’indomani del responso elettorale abbiamo, invece, sinora visto un’idea di democrazia diretta particolarmente timorosa davanti all’eventualità di appellarsi alla volontà popolare, sia dell’ancora non chiara base (di un’organizzazione pur sempre piramidale), sia del corpo elettorale che ha dimostrato consenso e fiducia.
In poche parole: la democrazia è diretta, da Grillo e da un ristretto conclave di A$$ociati. Ovvero è democrazia in diretta via streaming, a circuito chiuso e impermeabile.
Il nuovo fenomeno padronale, col suo brand in chiave politica, si è così trasfigurato da populista (nel senso migliore del termine, tanto caro a Dario Fo) a demagogo, capace di attrarre quella nebulosa ora illusa d’essere parte d’una rivoluzione epocale, dopo aver ossequiato le sacre sponde di diversa provenienza.
Come mai il Grillo (s)parlante di democrazia diretta, proprio in questa delicatissima fase, in occasione d’una scelta fondamentale sul futuro del suo movimento divenuto rappresentanza istituzionale, non ha il coraggio di assoggettarsi alla volontà di chi lo ha scelto, in attesa di soluzioni partecipate e condivise?
Perchè lasciarsi sfuggire l’opportunità di dimostrare che i proclami e le teorie pre-elettorali corrispondono in pieno alla prassi adottata in questa fase post-elettorale? (Laddove il post non è quello quasi quotidiano che campeggia, a mo’ d’editto, sulla sede home-page del movimento).
Perchè correre il rischio di “shiftare” dal movimento al mo’ vi mento?
Non ho possibili risposte da dare al posto di chi è chiamato a spiegare questo scostamento e quest’evidente contraddizione tra teoria e prassi della tanto invocata democrazia diretta.
So soltanto che le aspettative di alcuni amici, che hanno votato M5S, provenienti dal fronte d’una sinistra che non riconosce più alcun diritto di rappresentanza a chi è oramai valutato come troppo compromesso e compromissorio, nutrono – nel profondo d’un cuore collocato ancora nell’area d’origine – una certa delusione.
Quest’invito alla riflessione collettiva, non deve, non può e non vuole costituire nessuna forzatura o indebita ingerenza su scelte e decisioni che spettano e competono, in via esclusiva, al Movimento 5 stelle.
Si tratta d’un semplice, banalissimo richiamo alla coerenza, semprechè si abbia intenzione di dimostrarla.
C’è un tempo per la giusta e ragionevole contestazione e ce n’è un altro nel quale occorre individuare possibili interlocutori.
C’è un tempo in cui si è chiamati a giocare a carte scoperte, lontani da una gestione pseudo massonica d’un movimento chiamato ad interpretare e tradurre, nel miglior modo possibile, questo rilevante flusso di consenso, aspettative e fiducia,
Altrimenti potrebbe esserci un futuribile rischio di un epilogo, che trasformerà lo tsunami in una marea nera, malgrado tutte le buone intenzioni. E tutto questo potrà essere annoverato come opera di un ottimo avanguardista, precursore di – neanche tanto – inaspettate derive, riposte in mani, ritenute più capaci, di menti più subdole, ora in trepidante attesa d’un auspicato e definitivo fallimento.
Non c’è terza via: il caos può essere generativo del nuovo o degenerativo del vecchio.
Ovviamente il coraggio di chi si dimostrerà disposto a condividere qualsiasi decisione attraverso la consultazione allargata, meriterà tutto il nostro rispetto, anche se l’esito potrà non trovare possibile condivisione.
Non ci si può sottrarre alle proprie responsabilità. Davanti al proprio elettorato e all’intero paese.
Fateci capire cosa volete fare, cosa avete da dire e da proporre ora che siete diventati grandetti ma, evidentemente, non ancora adulti.