La dipartita del partito democratico

20 04 2013

Le faide interne al Partito Democratico hanno determinato la prevedibile implosione d’un intero gruppo dirigente indegno, da troppo tempo, di rappresentare il cambiamento.
Nonostante il mio recente atteggiamento – sin troppo ingenuo – fosse quello di chi, in un estremo e disperato tentativo, riponesse le residue speranze in quest’ignobile sinistra, immobile e in perenne attesa del necessario rinnovamento, delle idee e delle persone, oggi prendo definitivamente atto della totale incapacità d’un partito troppo compromesso col gioco del potere condiviso e consociativo, sempre più distante dal suo popolo.
A una gran parte della sedicente sinistra poco importa se, oggi come ieri, tutto depone a favore d’una prossima, più o meno imminente, rivincita della destra belusconiana. L’importante è assicurarsi la tenuta di tutto quel sotto potere, da sempre allegramente spartito tra maggioranza e opposizione.
In questo paese il potere, in senso ampio, non è mai stato solo quello esercitato da chi, in maniera diretta ed in prima persona, assurge al ruolo di governo. C’è tutto un bel sottobosco dove si distribuiscono incarichi, premi di consolazione, poltrone e prebende che coinvolgono e interessano la cosiddetta opposizione, chiamata a svolgere il suo ruolo di sotto governo.
L’inciucio strisciante c’è sempre stato e continuerà ad esserci.
È un ruolo che non è fondato sul normale controllo o sulla garanzia riconosciuta all’opposizione: è – lo ripeto – allegra spartizione.
La maggior consapevolezza raggiunta mi spinge ad affermare l’esistenza d’un sentimento di sinistra estraneo alla sua rappresentanza.
Ecco perchè questo gruppo dirigente, che ha sempre curato questo tipo d’interessi, ha tentennato davanti all’ipotesi d’un autentico cambiamento d’una prassi consolidatasi nel tempo: eredità dell’era dell’ex P.C.I. oggi esercitata dall’attuale ibrido irrisolto denominato P.D.
Il potere consociativo, tra maggioranza e opposizione (immutato nell’alternanza di governo), è un insaziabile moloch che – purtroppo – ha imposto il sacrificio del cambiamento a tutela ed auto tutela della conservazione.
L’incapacità d’individuare, da subito, possibili interlocutori con cui tessere e costruire l’alternativa, non è riuscita ad abbattere il totem del potere condiviso e compromissorio, a garanzia del quale è stato riconfermato Napolitano, da sempre organico alla ferrea legge dell’oligarchia al potere.
Questa sinistra, inadatta a costruire in sede istituzionale l’alternativa, che andava coltivata da subito, si traduce ora e per il futuro in un’occasione definitivamente persa.
L’amara sensazione che resta, dopo tutto, è quella di chi ha visto allargarsi il distacco tra l’essere di sinistra e la sua inqualificabile rappresentanza.

Annunci

Azioni

Information

2 responses

23 04 2013
Sendivogius

Rinnovarti i complimenti rischia di diventare un inutile esercizio retorico, perché ancora una volta non posso che condividere le tue riflessioni in tutta la loro totalità.

Perciò mi permetto due osservazioni minime:

a) Sinceramente, ho serie difficoltà (per ragioni superflue da ricordare) a definire “sinistra” (se non nell’accezione negativa del termine) quella massa informe di vetero-democristiani di area demitiana, sindacalisti gialli della Cisl, unite alle vecchie volpi spelacchiate uscite dagli scarti di quarta fila del defunto PCI.
Pertanto, ritengo che per quanto divise e minoritarie esistano più sinistre in Italia, ma nessuna di queste è davvero rappresentata da un non-partito che, oltre a non aver mai avuto alcun vero legame col “paese reale”, ha perso da tempo ogni contatto coi suoi stessi elettori (che però, nonostante tutto, continuano a votarlo con fatalista rassegnazione).

b) “Questa sinistra, inadatta a costruire in sede istituzionale l’alternativa, che andava coltivata da subito…”
Verissimo e giustissimo. Ciò detto, la casa la costruisci col materiale a disposizione: l’infame Monti, l’impresentabile Pornonano, gli intoccabili della Lega, e quegli invasati rabbiosi dei grillini.
Poi certo, come al solito, il PD ci ha messo di suo, formidabile più di sempre, ottenendo lo straordinario risultato che è sotto gli occhi di tutti.

23 04 2013
Giovanni Maria Sini (gms)

Come non darti ragione…
Purtroppo l’occasione (unica e irripetibile) del cambiamento è stata mortificata ed uccisa.
Ora entriamo tutti nell’era della normalizzazione.

Voglio dire la mia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: