Banale 5

29 12 2012

imageC’è uno che ha sempre saputo e sa quanto sia (im)portante, ai fini del consenso, il potere della televisione: è l’uomo medio dei media.
Un vecchio mestierante – perché di questo si tratta – che reclama spazio e visibilità direttamente proporzionali al “consenso” elettorale maturato in un’era precedente.
In evidente, quotidiana contraddizione con sé stesso e dimentico del fatto che, se dovesse valere questa regola, l’uomo in questione, è in debito d’una infinità di spazio usurpato circa 19 anni fa e per l’occupazione militante realizzata durante tutti i suoi mandati.
C’è un comico di pari livello, accomunato dal pressochè identico programma elettorale e dal numero 5 che, convinto di veicolare consenso solo attraverso la forza del web, ha freneticamente cercato l’amplificazione di quello stesso mezzo attraverso cui, ancora oggi, la gran parte dell’opinione pubblica viene ‘istruita’ e condizionata: è l’uomo medio dei nuovi media.
C’è un terzo uomo, fuoriuscito dalla magistratura, dopo aver indagato su questa classe politica, che entra nell’agone.
Tutti hanno deciso di giocare la loro partita elettorale contro il PD e in contrapposizione al governo uscente che, (co)stretto nella necessità di risollevare le sorti economico-finanziarie dell’Italia, ha sin qui ed esclusivamente fatto pagare l’alto prezzo ai soliti noti.
C’è il PD, impegnato nelle Primarie (quasi di Capodanno) per i parlamentari, ancora incerto tra rinnovamento, cambiamento e conservazione, che – a suo modo – sta cercando di restringere il deficit di democrazia tra rappresentanza e rappresentati, seppur coi grandi limiti derivanti dalle immortali logiche correntizie e salvaguardando qualche baronia.
C’è un cattedratico, la cui ascesa è stata favorita dall’emergenza, ora divenuto piena espressione politica (ma lo era già!) e orientato a dare vita ad un centrodestra – si spera! – per un paese normale: un’immensa, rassicurante neo balena bianca.
C’è un brulichio di persone desiderose di entrare nelle sedi parlamentari.
Finti scissionisti pronti a ricompattarsi, nordisti innamorati del centralismo romano, massimalisti arrembanti ora dipinti d’arancione, domestici cani da salotto, vecchie cariatidi che mai (ri)conoscono la fine della loro stagione, pentiti del pentapartito, congiure, congiurati, rivoluzionari in abiti reazionari, populisti col culo al caldo, repubblichini, repubblicani, presidenzialisti, presenzialisti. C’è di tutto.
Tutti assolutamente innocenti rispetto alle attuali condizioni in cui versa il nostro paese, come se nessuno avesse avuto responsabilità di guida e di governo negli ultimi decenni.
Dall’esito delle prossime elezioni speriamo possa nascere qualche maggiore speranza per il futuro di questo strano e sempre anomalo paese.
In mezzo a quest’esercito di oppositori, organici al potere, restano inalterati i sani dubbi sulle possibilità di fuoriuscita dalla crisi, senza un ulteriore prezzo che saremo chiamati a pagare.
Buona fine e miglior inizio a tutti.

Annunci

Azioni

Information

4 responses

30 12 2012
icittadiniprimaditutto

Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

30 12 2012
Sendivogius

“C’è un cattedratico, la cui ascesa è stata favorita dall’emergenza, ora divenuto piena espressione politica (ma lo era già!) e orientato a dare vita ad un centrodestra – si spera! – per un paese normale: un’immensa, rassicurante neo balena bianca.”

Se la vecchia DC aveva un merito, questo consisteva (in linea assolutamente teorica) nell’ispirarsi al “cristianesimo sociale”, nella preservazione della dimensione umana dell’individuo e della funzione sociale dello Stato attraverso l’identificazione e tutela del bene comune (come cittadini e non come consumatori). Che poi ciò si traducesse nei fatti in clientelismo cronico e parassitario, spalmato a tutti i livelli, attraverso il saccheggio indiscriminato delle aziende pubbliche, utilizzate come serbatoi elettorali e di finanziamento politico… E che a ciò fosse speculare una cappa iper-conformista e l’asfissiante provincialismo, funzionale al controllo clericale di una società sostanzialmente asfittica… Ecco, questi sono stati parte degli aspetti pratici del potere democristiano (non scendo nel merito degli elementi criminali..). E rientrano tra i motivi per cui la carcassa putrescente della vecchia Balena bianca andrebbe smaltita una volta per tutte e non certo rianimata.
Ciò detto, l’Italia vagheggiata dal centro-destra di Monti NON presuppone un paese ‘normale’ e tanto meno ‘rassicurante’, privo com’è di ogni prospettiva sociale e, oserei dire, di visione umana.
Abbiamo il peggio dell’ultra-clericalismo applicato al peggio dell’ultra-liberismo monetarista: roba da far arrossire dall’invidia i discepoli di Friedman, all’opera nel Cile di Pinochet!
Questi sono convinti di avere una ‘missione’ mistica: rieducare il popolo attraverso la propedeutica della punizione collettiva (“avete vissuto sopra le vostre possibilità”).
Mai s’era vista un’oligarchia così sfacciatamente classista; siamo al salvataggio del Titanic: i passeggeri della prima classe vengono messi in salvo con le scialuppe semi-vuote, mentre l’equipaggio tiene a bada la terza classe con le rivoltelle, chiudendo gli accessi al ponte della nave e ad ogni possibilità di salvezza. Perché qualcuno si deve pur sacrificare per la salvezza (selettiva) dei passeggeri… E guarda caso a rimetterci sono sempre gli ultimi.
Se l’Italia si salva così, che affondi pure con tutto il suo carico di merda.

31 12 2012
Giovanni Maria Sini (gms)

Carissimo Sendivogius, è ormai (quasi del tutto) chiaro che il prossimo governo nascerà dal sodalizio, sin qui non apertamente dichiarato, tra il Partito Democratico e questo rinascente “popolarismo” tecno-centrista. Se tutto andrà come previsto.
Altrimenti, considerato il fatto che solleticare il portafoglio degli italiani ha pur sempre una sua forte ed immortale fascinazione, riuscirà ancora una volta a giganteggiare e risultare determinante il nano (politicamente) più alto degli ultimi 150 anni, coadiuvato dai sempre (in)utili idioti che faranno da sponda.
Sulla questione “neo democristiana”, per semplicità e per sintesi, ho parlato di centrodestra per un paese “normale”, come testimonianza di quelle che sembrano essere le intenzioni dei sostenitori della cosiddetta “agenda”.
Il che non implica un personale sostegno o un’adesione ad ipotesi di questo tipo. Per la serie: abbiamo già dato.
L’unico aspetto che reputerei utile ed indispensabile è una definitiva sconfitta elettorale della deriva rappresentata dall’uomo medio dei media.
In qualsiasi caso vivremo ancora un’era di transizione, ora come ora, obbligatoria.
Sulla necessità che l’Italia “affondi pure con tutto il suo carico di merda”, seppur a tratti la tentazione è particolarmente suggestiva, non so dirti quanto potrebbe risultare salutare per chi già appartiene alla categoria dei sommersi e sta pagando il prezzo di questa politica contraddistinta dall’incessante massacro della solita carne da macello.
Speriamo si determini, in qualche modo, un’inversione di tendenza.
Grazie per la visita e per il tuo punto di vista.
Rimando gli eventuali ulteriori visitatori al tuo gingillino

31 12 2012
Sendivogius

Se dopo 20 anni di scempi 1/3 degli italiani si lascia ancora irretire dalla fascinazione del Pornonano, truccato come una salma imbalsamata, revenant in fuga dal mausoleo post-sovietico, temo non ci siano cure valide per un Paese inquietantemente anormale.
Personalmente, mi cadono le braccia (e anche qualcos’altro..!) nella trasmigrazione a ‘sinistra’ verso desolanti fenomeni psichiatrici come Beppe Grillo o il sedicente movimento “arancione”, ovvero l’Unione dei Masanielli… Per la serie: “demagoghi di tutta Italia unitevi!”

Ovvia è la ricerca di normalità; meno appetibile è la normalizzazione tecnocratica. Difficile con un simile ventaglio di offerte scegliere il ‘male minore’.

Passando invece alle cose utili, tantissimi Auguri per un Buon 2013!!

Voglio dire la mia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: