Comunali a Cagliari: ®-evolution, contro il grigiore e la paura sulla base dei programmi

24 05 2011

In quest’ultima settimana, anche a Cagliari, i toni di una campagna elettorale che, tutto sommato, è sin qui rimasta in un ambito di civile confronto, si sono accesi in vista del definitivo ballottaggio.

Ieri (23 maggio), nella sede del Comitato elettorale della destra, è stata ritrovata una lettera anonima e minatoria, pare accompagnata da un proiettile, che intimava di “lasciare la città” (rif).

Fenomeni di violenza e intolleranza che, in periodi di assoluta calma, non si manifestano mai. Cagliari è abitualmente città abbastanza tranquilla, senza particolari episodi di conflitto politico, al di là della vis polemica circoscritta alle parole, mai sconfinata nell’odio o in azioni violente.

Ciò non toglie che l’idiozia possa abbondare su qualsiasi versante o addirittura non avere collocazione e matrice politica. In questo caso, com’è evidente, la mamma dei cretini è sempre incinta e, questi ultimi, non sanno neppure chi sia il padre.

Saltano fuori bufale e ipotesi inverosimili su un’eventuale ingovernabilità qualora dovesse prevalere il candidato del centrosinistra Massimo Zedda.

Non si capisce bene su quali basi, nel momento in cui è noto che in caso di vittoria scatta il premio di maggioranza (60%) (rif. sentenza n. 03022/2010 del Consiglio di Stato).

Circolano illazioni su false parentele tra il candidato Massimo Zedda e l’ex governatore Renato Soru. E – anche qui – non si capisce bene quali terribili riflessi e implicazioni potrebbero derivare.

E’ come se sostenessimo, con altrettanta forza e sottintesa malevolenza, che il candidato della destra, siccome è fratello di persona che ha estrema vicinanza con l’immobiliarista Zuncheddu, potrebbe essere, direttamente o indirettamente, condizionato e al centro di colossali conflitti di interessi.

E il fatto che faccia parte, sempre il fratello del candidato della destra, del Consiglio di Amministrazione dell’Unione Sarda, la cui portata editoriale si estende alle emittenti televisive Videolina e TCS, all’emittente radiofonica Radiolina e alla comproprietà del Foglio, rappresenti una aggravante.

D’altra parte non è una novità l’evidente sostegno di questo gruppo editoriale alla destra isolana e nazionale come parte politica di riferimento.

Circolano accuse reciproche di padrinaggi, condizionamenti (del mattone e del massone). Echeggiano i riflessi della politica nazionale. Insomma il peggio del peggio, lontano dai problemi concreti riguardanti l’amministrazione comunale.

In realtà devono pesare e valere ben altre argomentazioni. Nessun pregiudizio e nessun processo alle intenzioni. La valutazione deve essere fatta a priori sulla base del programma presentato e, in seguito o in itinere, sulla sua realizzazione e sull’efficienza di chi sarà chiamato ad amministrare la città di Cagliari.

La mia preferenza va al candidato Sindaco Massimo Zedda, su cui orienterò il mio voto.

Per due ragioni: la prima, ovviamente, si basa sul programma elettorale che ho esaminato, che mi sembra più circostanziato, meno generico e che mi dà l’ìdea di una città capace d’essere realmente inclusiva. Espressione di una futura amministrazione comunale chiamata ad affrontare e governare i problemi della città, senza agitare spauracchi e nell’interesse collettivo. Capace di governare in nome della dovuta trasparenza e dell’obbligo di render conto ai cittadini del proprio mandato.

La seconda motivazione si fonda sulla necessità di colmare quel gap generazionale che contrassegna, condanna e limita da troppo tempo la politica, sia isolana che nazionale. Il mio giudizio personale, pertanto, è quello di chi sostiene l‘alternanza e il cambio (anche sotto il profilo anagrafico): il che si traduce nella scelta di un candidato che non deve farsi interprete di nessuna eredità di vecchie e immutabili gerontocrazie.

Insomma e infine: la faccia buona che oggi propone la destra, laddove addita la controparte come portatrice di un estremismo che non esiste, non mi convince e mi dà l’impressione d’essere retaggio d’una politica che vuol ridurre tutto ad una guerra tra bande o che sembra chiamata a tutelare particolari priorità o rappresentare interessi di parte.

E mi convince ancor meno nel momento in cui adotta il solito lessico, ormai insensato e abusato, che prospetta catastrofi in caso di sconfitta elettorale.

E allora se la sfida è tra l’interesse troppo spesso privato e di parte e quello che, invece, deve riguardare tutti e riportare un nuovo civismo anche nella città di Cagliari, la mia scelta si spinge verso questa seconda opzione.

Immagino una Cagliari dei diritti (e certo dei doveri) riconosciuti a tutti: una città nella quale la garanzia e l’estensione dei “diritti di cittadinanza”, sia parte fondamentale di una realtà urbana inclusiva.

Ecco perché il mio personalissimo favore va verso chi prospetta una visione più tollerante del vivere civile e ha il coraggio di immaginare che l’estensione dei diritti non significa in alcun modo ledere quelli pre-esistenti o privilegiarne qualcuno o pochi a scapito di altri.

Annunci

Azioni

Information

Voglio dire la mia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: